Suggerimenti

Consigli volti ad ottimizzare l’utilizzo delle batterie Lipo

 

Le batterie Litio-polimero alimentano praticamente ogni apparato di un drone e quindi rappresentano uno dei componenti più importanti.

Vengono di seguito riportati alcuni consigli che derivano da anni di esperienze; se li seguite potrete ridurre drasticamente il rischio di un crash.

 

  • Caricare le Lipo con un caricabatterie specifico munito di connettore per bilanciamento delle celle
  • Evitare di farle funzionare con temperature inferiori a 10°C;  se si vuole utilizzarle al di sotto dei 10°C, occorre custodirle in un ambiente caldo (sopra i 20°C) e prevedere un contenitore coibentato per il volo.
  • Caricarle con una corrente non superiore a quella consigliata dal costruttore (normalmente 1C o 2C; ad esempio una batteria da 3000mAh  1C va caricata con una corrente non superiore a 3 Ampère)
  • Evitare di riporle cariche o scariche per tempi lunghi; per conservarle al meglio devono essere riposte con carica a circa il 50%
  • Conservarle all’interno di recipienti di metallo e/o dentro sacche ignifughe specifiche per Li-po
  • Atterrare quando la capacità residua è superiore al 15%
  • Non perforarle
  • Non lasciarle incustodite durante la carica; la stessa deve essere effettuata all’esterno e non, ad esempio, dentro l’auto
  • Non lasciarle in posti che possono raggiungere temperature elevate (esempio: sotto il lunotto dell’auto al sole)
  • Non cortocircuitarle
  • Scartare le batterie che hanno subito crash e che apparentemente funzionano ancora
  • Scartare le batterie non appena si dovesse notare un rigonfiamento delle celle
  • Scartare le batterie quando la capacità, in seguito a cicli di carica-scarica, si riduce del 20% e tenere conto di questo fattore durante l’uso (in pratica la durata del volo si riduce con batterie “vecchie”)
  • Le batterie esauste (o che hanno subito crash) vanno messe in un recipiente contenente acqua salata (ad esempio quella del mare) e lasciate per qualche ora prima di gettarle nei contenitori specifici.
  • Scartare le batterie con resistenza superiore ai 60 mΩ
  • Scartare le batterie con differenza di resistenza fra le celle superiore ai 20 mΩ.